Cannabis per uso medico

Sono passati due anni dall’entrata in vigore del Decreto Ministeriale n. 279 del 9 Novembre 2015 (che ha previsto l’erogazione a carico del Servizio Sanitario Nazionale dei trattamenti a base di cannabis per uso medico), ma i dubbi sono ancora molti: dalle evidenze scientifiche sui benefici ai dosaggi, dalle modalità di allestimento alla stabilità del preparato allestito e somministrato. E, per chi di questo si occupa quotidianamente, come i farmacisti ospedalieri che in laboratorio allestiscono le preparazioni galeniche magistrali, le ‘incertezze’ si sommano alle difficoltà dell’organizzazione del lavoro.

L’argomento fa discutere e, oggi come non mai, c’è bisogno di spazzare il campo dalle informazioni fuorvianti. Ecco perché i farmacisti di SIFO hanno scelto di discuterne nel corso del congresso nazionale. “Servono informazioni corrette e chiarezza su benefici, dosaggi e preparati”. Il loro messaggio è chiaro: vediamo perché.

È questo che ha spinto SIFO, la Società dei Farmacisti ospedalieri e dei Servizi territoriali delle aziende sanitarie, a porre questo tema al centro del XXXVIII Congresso nazionale in corso a Roma fino a domenica 26 novembre all’Hotel Cavalieri.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!