Nutrizione ed integrazione: il functional food

Spesso il farmacista durante il suo lavoro, e soprattutto in ambito sportivo, è visto solo come un dispensatore di integratori che fa di tutto per venderli a qualsiasi paziente. Purtroppo la visione che ha il cliente-paziente del farmacista è questa. Per cambiare questa visione spero sinceramente che la figura del farmacista sia valutata per quello che è: una vera e propria figura sanitaria che diventi nel tempo un consulente a 360 gradi ed un educatore al corretto stile di vita.

Sono alimenti che esercitano una particolare funzione (se utilizzati all’interno di una dieta equilibrata) dimostrabile attraverso speciali trial clinici. Gli effetti funzionali in questione, per essere definiti tali, devono quindi poter essere monitorati e documentati scientificamente. Andiamo a vedere di cosa si tratta.

Per fare questo occorre dare al farmacista altre competenze e non limitarlo alla sola dispensazione di farmaci e alla vendita di prodotti. Per fare questo bisogna spostare l’attenzione sul professionista e non sul contesto in cui opera.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!