Un esperto “dietro” al bancone

Le parafarmacie rispondono alle esigenze più immediate in fatto di salute e benessere. Pertanto è stata accolta con molto entusiasmo l’opportunità di scrivere un articolo che potesse dare le nostre considerazioni in merito all’eventuale utilità di inserire il terapista occupazionale in un luogo deputato alla vendita di ‘farmaci da banco non soggetti alla prescrizione medica’. Sappiamo che le parafarmacie in Italia devono rispettare specifiche normative, come ad esempio la presenza di un addetto laureato in farmacia.

Il terapista occupazionale “consulente” del farmacista? In questa dettagliata analisi scopriremo assieme ai professionisti di AITO quanto sia importante rispondere alle esigenze di salute dei propri clienti e farlo con competenza e tempestività, mantenendo al centro della scena la cosa più importante: il benessere della persona.

Circa tre italiani su dieci utilizzano prodotti per la salute e il benessere, come ad esempio quelli omeopatici e di erboristeria (cosmetici, integratori, sanitari e prodotti per l’infanzia).


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!