Una risorsa preziosa

Finalmente. Sta finalmente girando, in merito alle parafarmacie, la parola che davvero le rappresenta: risorsa. Questa strana, vivace, promettente parola ha iniziato ad aggirarsi, prima timida poi sempre più vigorosa e intraprendente, per i corridoi della politica, ha iniziato a serpeggiare tra le fila di avversari e detrattori, come un fastidioso e scarmigliato bambino in triciclo che porta allegro scompiglio ad una noiosa festa di tromboni impomatati. Siamo una risorsa, non un problema come alcuni vogliono far credere.

In questo accorato appello Matteo Branca si spende a favore di una battaglia di concetto: perché ostinarsi a vedere la parafarmacia come un “errore” a cui riparare, quando la quotidiana esperienza dei tanti farmacisti che vi lavorano suggerisce che questa possa essere invece una preziosa risorsa per i cittadini e per il SSN tutto?

Una risorsa, sfruttateci come tale! Non perdete più tempo a combatterci, a boicottarci. Dateci gli strumenti che ci competono e poi sfruttateci, come si sfrutta una risorsa preziosa, importante, vitale, una risorsa per troppo tempo trascurata, ignorata, osteggiata. Una risorsa professionale, sociale, economica, imprenditoriale, fiscale, lavorativa, sindacale e politica. Siamo farmacisti, anche se ora le nostre competenze sono surgelate, sono sotto naftalina legislativa e lobbistica, e già così rappresentiamo un presidio ormai indispensabile per moltissimi cittadini.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!