Depurare il fegato con la fitoterapia

Il fegato è il più grande organo del corpo umano ed è quello che presenta il metabolismo più complesso. Tutto quello che introduciamo all’interno del nostro organismo passa da questo “filtro”, che smista le diverse sostanze: quelle utili sono inviate al sistema circolatorio e trasformate in energia, quelle dannose vengono espulse. Da una parte, quindi, il fegato sintetizza il “nutrimento”, estraendo gli zuccheri e i grassi dai cibi e immagazzinandoli per poi renderli disponibili in base alle esigenze; dall’altra, si occupa di smaltire le sostanze tossiche, eliminandole attraverso le vie urinarie. Il fegato è preposto alla produzione della bile, che attraverso le vie biliari raggiunge l’intestino ed emulsiona i grassi; inoltre ha la funzione di neutralizzare l’acidità delle secrezioni gastriche, stimolare la peristalsi intestinale ed esercitare un’azione antisettica nei confronti della flora batterica.

Grazie all’esperienza ed alla competenza dei nostri autori analizziamo come lavora il nostro “filtro” naturale, e in che modo potremmo aiutarlo a farlo al meglio, con il supporto della fitoterapia. Ecco come, grazie ad un’alimentazione sana, uno stile di vita corretto e il contributo delle piante medicinali, possiamo imparare a vivere meglio.

Sotto l’influenza di diversi ormoni, il fegato presiede al metabolismo dei carboidrati essenzialmente con quattro processi (glicogenesi, glicolisi, glicogenolisi e neoglicogenolisi), che gli consentono di mantenere ad un valore costante la glicemia, immettendo nel sangue glucosio quando la glicemia si abbassa e sottraendolo ad esso in caso contrario.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!