Cura degli animali in parafarmacia

Quando si parla di “pronto soccorso” in relazione ai nostri animali domestici si intende l’insieme di interventi, manovre o azioni, posti in essere da qualunque operatore non professionale, che si trovi a dover affrontare un’emergenza sanitaria, in attesa dell’intervento di personale specializzato. Esaminiamo quali sono gli interventi più comuni.

Come preparare una cassetta di primo soccorso • Museruola rapida (fascia o laccetto); • rotoli di cerotto adesivo 2,5 o 5 cm; • rotoli di garze sterili 5 o 10 cm • rotoli di cotonina; • compresse di garza sterile; • laccio emostatico; • cotone emostatico; • forbici per piccole ferite con punte smussate; • siringhe sterili 2,5 o 5 ml; • guanti monouso; • pinzette per rimuovere sporcizia dalle ferite; • coperta per trasportare e mantenere calore all’animale; • confezioni di ghiaccio istantaneo; • pomata a base di cortisone; • cortisone rapido (fiale); • detergente oftalmico; • detergente auricolare; • soluzione fisiologica; • disinfettante a base di iodio; • acqua ossigenata. Sembra tanta “roba”, ma è necessario essere muniti di questi materiali per poter affronatare le emergenze che come vediamo di seguito sono numerose.

Aver cura del proprio animale domestico significa anche, purtroppo, essere pronti ad affrontare eventuali situazioni d’emergenza. In questo articolo, il dott. Molinari, medico veterinario dell’Associazione Italiana Pet Therapy, ci offre un’analisi delle principali evenienze cui potremmo andare incontro, fornendoci un elenco di cose che proprio non possono mancare nella nostra cassetta di pronto soccorso.

Corpi estranei Si considera corpo estraneo qualsiasi elemento non appartenente all’animale. I corpi estranei possono entrare nel corpo dell’animale in due modi: 1. attraverso gli orifizi naturali (bocca, orecchie, naso, apertura anale, ecc.); 2. per infissione nella pelle.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!