Quando il lavoro è anche passione

Come è nata l’idea di aprire una parafarmacia? Ho intrapreso questa nuova avventura due anni fa, all’età di 41 anni. L’occasione è giunta quando una bella parafarmacia, progettata dall’architetto Passarella e dotata di laboratorio galenico e pratiche cassettiere, situata in posizione strategica (per gli acquisti estivi), veniva dismessa dalla precedente proprietaria. Mi sono innamorata della struttura, piccolina, sì, ma funzionale e graziosa. Inoltre, rilevare la parafarmacia è stata per me un’occasione di rivincita personale in quanto la farmacia comunale dove lavoravo, aveva appena chiuso. Così, nell’ottobre del 2016 ho inaugurato la mia parafarmacia, concepita per offrire un servizio completo ai clienti attraverso la collaborazione con professionisti di varie specializzazioni mediche e le mie linee galenica e nutraceutica di preparati e alimenti.

Protagonista di questo numero è la Parafarmacia Farmasan, a San Benedetto del Tronto, che grazie alla sua titolare, punta a divenire luogo di riferimento soprattutto per la nutraceutica. In quest’intervista Maria Francesca Laganà ci racconta la sua esperienza spiegando l’importanza di formazione e specializzazione.

Qual è stato il suo percorso di studi? Se vogliamo parlare di percorso vero e proprio allora dobbiamo andare su e giù per l’Italia con una parentesi in Germania. Ho studiato e mi sono formata ad Ascoli Piceno, a Bologna, a Berlino, a Milano e a Rimini per poi approdare a San Benedetto del Tronto.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!