Pelle vs smog, proteggere prima di tutto

Non solo l’ambiente circostante, ma anche la pelle è una delle vittime dell’inquinamento ambientale. Inizialmente il problema si era fatto strada lentamente; ora è una vera e propria realtà. Il danno cutaneo provocato dall’inquinamento è quindi un problema globale, come scientificamente dimostrato da numerosi studi e ricerche, di cui molti ancora in atto. Il prof. Leonardo Celleno, dermatologo e presidente dell’Associazione Italiana Dermatologia e Cosmetologia, espone i rischi a cui la pelle va incontro per colpa dell’inquinamento. Industrializzazione, uso crescente di combustibili fossili, elevati livelli di emissioni veicolari, incidenti e incendi presso le strutture di stoccaggio dei rifiuti, causano alti livelli di inquinamento atmosferico che raggiunge i livelli epidemici.

Il prof. Leonardo Celleno, presidente AIDECO, risponde ad alcune domande su come l’inquinamento ambientale risulti nocivo anche per la pelle. Allora, come proteggersi per contrastare l’effetto dannoso del vivere nelle nostre caotiche città? Seguiamo i consigli del professore.

Una corretta detersione ha un’azione anti-inquinante, qual è la routine corretta e quali i prodotti indispensabili per una pulizia profonda?


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!