(Ri)conoscere l’epilessia infantile

Oltre 1.300 insegnanti, operatori scolastici e studenti formati; più di 100 scuole di Roma e provincia preparate ad affrontare e gestire in classe le crisi convulsive, evitando ospedalizzazioni inappropriate. Sono i risultati di “La scuola non ha paura delle crisi”, progetto di formazione promosso dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù nell’ambito delle iniziative coordinate in Italia dalla Lega Italiana Contro l’Epilessia (LICE) per la Giornata mondiale dell’epilessia che si tiene ogni secondo lunedì di febbraio. Grazie al lavoro svolto dall’avvio del progetto, sono state 17 le crisi epilettiche gestite in classe ricorrendo alle corrette manovre di assistenza.

Epilessia: il 30% delle crisi si manifesta a scuola. I medici del Bambino Gesù sono in prima linea nel formare insegnanti e adolescenti e lunedì 11 febbraio, in occasione della Giornata Mondiale dell’epilessia, hanno organizzato la IV edizione dell’iniziativa “La scuola non ha paura delle crisi”

I due appuntamenti in programma – alle 10:30 e alle 15:00 – sono stati seguiti da circa 250 persone, tra operatori scolastici e adolescenti. Personale specializzato dell’Ospedale Pediatrico insegnerà ai partecipanti a gestire gli attacchi epilettici in classe con l’ausilio di video tutorial, esempi pratici, strumenti tecnici e teoria, con particolare attenzione alla corretta e tempestiva modalità di somministrazione dei farmaci durante una crisi.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!