“Contro le parafarmacie trattamento iniquo”

Si è svolta il 2 luglio a Montecitorio la relazione annuale dell’Autorità Garante della concorrenza e del Mercato in cui particolare attenzione è stata data al canale parafarmacie, sia in materia di sviluppo della concorrenza nel settore, sia in particolare in materia di servizi riguardanti le prestazioni sanitarie e il convenzionamento delle stesse ai fini della vendita di dispositivi medici e alimenti speciali. A tal proposito l’AGCM ha rilevato ancora una volta che le singole regioni adottano prassi differenziate sottolineandone la lesività sul piano concorrenziale.

FNPI alza la voce: “Non trattateci come meri esercizi commerciali”. Prosegue la battaglia della Federazione Nazionale Parafarmacie Italiane a favore della categoria. In queste pagine vi riportiamo una fotografia della situazione partendo da un’importante relazione dell’Antitrust.

Parere inviato già alle varie regioni nel settembre 2018, ma che ancora oggi è ignorato e ha portato di fatto a una condizione di disparità concorrenziale per le parafarmacie. “La concorrenza è infatti essenziale non solo per il buon funzionamento del sistema economico, ma anche della democrazia e rappresenta la chiave per assicurare un sistema economico e sociale che sia equo e non tolleri posizioni di monopolio o oligopolio che lascino indietro qualcuno”.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!