La paura del coronavirus

0
64

Psicosi o allarme concreto? In queste settimane i farmacisti sono letteralmente presi d’assalto da chi cerca informazioni sicure su quella che è innegabilmente la più spaventosa delle notizie mainstream: il dilagare del coronavirus. Tra assalti alle provviste di mascherine e richieste di integratori atti a rafforzare il sistema immunitario, come possiamo rispondere alle domande dei clienti che entrano in una parafarmacia?

Cresce la preoccupazione degli italiani per il diffondersi del coronavirus e proporzionalmente anche la ricerca di consigli utili a scongiurare il contagio. In queste pagine abbiamo quindi ritenuto utile presentarvi un quadro esaustivo di cosa occorre sapere per rispondere al meglio alle domande di chi entra in parafarmacia.

In questo articolo abbiamo voluto offrirvi un quadro esaustivo di quanto dovremmo sapere sul temuto virus e per farlo siamo voluti partire dall’esperienza del dottor Giuseppe Moschella, infettivologo di Cuneo affiliato alla piattaforma online Mio-Dottore che connette pazienti e specialisti, che in pochi passaggi traccia il “DNA” di questo virus. Cosa sono i coronavirus? Questo coronavirus appartiene agli RNA virus, cioè contiene come ac. nucleico l’acido ribonucleico. Questo RNA-virus sembra sia stato geneticamente modificato e al momento attuale ci sono dei fondati sospetti che ciò sia avvenuto in laboratorio, quindi si tratterebbe di una nuova specie virale, voluta dall’uomo, creata in laboratorio.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere abbonati ora!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here